Organi espiantati a soldati USA morti in guerra salvano 140 europei

Dal 2006 e sino ai nostri giorni, 140 cittadini europei sono stati salvati grazie agli organi espiantati da 36 soldati dichiarati clinicamente morti in seguito a ferite riportate in guerra in Iraq o Afghanistan.

A rendere noto questi dati sono le statistiche di un ente tedesco che si occupa di espianto e trapianto di organi. Gli organi, fanno sapere, restano in Europa perché non c’è abbastanza tempo per mandarli negli Stati Uniti.

In genere gli americani, da una certa sinistra antagonista, vengono definiti come criminali e nelle manifestazioni bruciano le loro bandiere, ma farebbero meglio a soffermarsi e pensare a quanti morti gli americani hanno avuto dalla seconda guerra in poi proprio per liberare noi europei e italiani in particolare.  È vero che ci sono stati i partigiani che hanno in qualche modo contribuito, ma se non ci fossero state le forze alleate, avrebbero ben poco potuto fare quindi, ancora una volta, va il nostro ringraziamento a quel grande popolo che è l’America.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>